Storia della Sezione  ANC di Jesolo

 

Associazione  Nazionale  Carabinieri - Sez. di Jesolo M.A.V.M. C.re Pompilio Verago
Associazione Nazionale Carabinieri - Sezione di Jesolo  Via Cesare Battisti, 83 -  30016 Jesolo ( Venezia ) - Tel. e fax 0421 350170   - Email    Anc-jesolo@libero.it   
© 2014
 3 Febbario 1951 Viene    nominato    il    C.re    Gidone    Mengo    a    Commisario    che    l'11 maggio    1951    viene    eletto    presidente    della    costituita    sezione    di Jesolo che contava 35 soci. 15 Dicembre 1960 Il   presidente   Mengo   nel   cortile   della   caserma   dei   Carabinieri   di Jesolo   avanti   al   comandante   della   stazione   M.llo   M.   Luigi   Ferraro   e il   presidente   del   capoluogo   Venezia-Mestre   M.llo   Simeoni,   veniva bruciato    tutto    il    materiale    cartaceo    e    così    veniva    decretata    la chiusura della sezione con la conferma del presidente nazionale. 30 Aprile 1978 La    presidenza    nazionale    nomina    il    cav.    Domenic    Pasquariello commissario   straordinario   per   la   ricostituzione   della   sezione   di   San Donà di Piave, Jesolo-Cavallino e Noventa di Piave
                                                                                  22 Maggio 1978 Riuniti   i   soci   di   San   Donà   di   Piave,   Fossalta   di   Piave,   Meolo,   Quarto   d'Altino,   Eraclea   e   Ceggia   eleggono   il   consiglio della sezione che a sua volta elegge il presidente M.llo Cav. Domenico Pasquariello C.S."R". La   sezione   di   San   Donà   di   Piave   viene   intitolata   al   c.re   Pompilio   Verago   M.A.V.M.   Su   richiesta   di   tutti   i   soci   di   Jesolo   e un socio della sezione di Eraclea viene costituito un comitato per erigere un monumento al carabiniere.                                                                                   30 Marzo 1979 Consultato   lo   scultore   di   fama   Internazionale   Augusto   Murer   di   Falcade,   prepara   dei   bozzetti,   li   porta   in   visione   e   viene   scelto   come progetto   quello   che   attualmente   è   installato   in   piazza   Drago.   Il   29   Maggio   1983   veniva   inaugurato   alla   presenza   del   presidente   Nazionale Gen.   C.A.   Vittorio   Fiore,   il   Vice   Comandante   Gen.le   dell’Arma   Gen.   Attilio   Coldone   reduce   della   Russia   e   il   Medagliere   Nazionale dell’Associazione    oltre    alla    presenza    di    tantissime    autorità    civili    e    militari    regionali.    Con    l’occasione    viene    svolto    il    IV°    Raduno interregionale con il massimo successo. 24 Maggio 1981 Al   Raduno   incontro   di   Cortellazzo,   tenutosi   il   24   Maggio   1981   con   i   reduci   dell’Egeo,   oltre   alle Autorità   civili   e   militari,   erano   presenti   circa 2.000   persone.   Finita   la   cerimonia,   i   partecipanti   si   spostarono   in   Piazza   Drago   ove   veniva   inaugurato   il   viale   del   Carabiniere   da   parte   del Sindaco Rag. Renato Bressan. Da   qui   nacque   l’idea   di   realizzare   il   Monumento   al   Carabiniere,   ed   in   breve   tempo   si   organizzò   una   riunione   di   tutti   i   soci   della   Sezione. Durante   una   cena   di   lavoro,   felici   dell'iniziativa,   il   centinaio   di   soci   presenti   decisero   di   fare   qualcosa   di   concreto   per   la   realizzazione dell'opera   ed   uno   dei   Promotori,   il   socio   C.re   VERAGO   Comm.   Umberto   figlio   del   C/re   POMPILIO   Verago   M.   d’A.   V.   M.      chiese   a   tutti   un impegno   di   autotassazione.   Tutti   i   presenti   commentarono   la   richiesta   e   terminata   la   cena   molti   se   ne   andarono,   qualcuno   anche   senza salutare e si allonatanarono senza dare più risposta. Le   otto   persone   rimaste,   le   più   ostinate,   si   costituirono   in   un   comitato   e   diedero   inizio   ai   lavori   organizzando   e   studiando   un   piano   per recuperare il fabbisogno economico. I lavori partirono nel marzo del 1982  e il 29 Maggio 1983 ci fù l'inaugurazione dell’attuale monumento. Ecco i nomi delle persone che si impegnarono per la realizzazione del monumento: Big. Bortoletto Cav. Aldo (consigliere) C.re Davanzo Gianni ( consigliere) V.Brig. Mazzuia Giovanni ( consigliere) C.re Rapisarda Salvatore (consigliere) M.M. Saccone Cav. Mario (consigliere) C.re Scapolan Angelo ( consigliere) C.re Verago Comm. Umberto (Presidente) socio Parisotto Rag. Luciano (segretario) Queste persone si impegnarono a versare la somma di Lire 750.000 per il progetto e l'inizio lavori. Collaboratori che hanno raccolto dei fondi senza versa la quota di partenza: C.re Enzo Pietro ( Cà Savio) C.re Gatti Enrico (Jesolo) C.re Merigo Francesco ( Jesolo) simpatizzante Gualtieri Geraldo (Jesolo) In   poco   tempo   venne   approvato   il   piano   ed   eseguito   in   pochissimi   giorni.   Visti   i   risultati   positivi   del   lavoro   svolto,   il   gruppo   si   adoperò   per contattare   lo   scultore   Augusto   Murer   che   subito   accettò   di   proporre   dei   bozzetti.   Ne   furono   presentati   tre:   uno   fù   subito   scartato   e   lo scultore   lo   distrusse   di   fronti   a   tutti;   gli   altri   due   rimanenti   rimasero   in   ballo   fino   all’ultimo   giorno   perchè   nessuno   riusciva   a   decidere, nemmeno   l’Arma   in   servizio   rappresentata   dal   Comandante   provinciale   Col.   Remo   SELVAGGI   per   il   Comando   Generale.   Lo   scultore,   il socio   Verago,   il   c.re   Rapisarda,   C.re   SCAPOLAN   Angelo   e   il   Rag.PARISOTTO   decisero   per   quella   con   le   due   statue   perchè   l’artista vedeva   nel   carabiniere   dell’ottocento   e   in   quello   del   novecento   in   lotta   contro   il   terrorismo   e   la   mafia,   la   fedeltà   nella   svolgimento   del proprio dovere e l'atto estremo del sacrificio. L'opera è stata fusa in una fonderia di Treviso. Per   l’inaugurazione   fu   organizzato   il   3°   raduno   regionale   dell’Associazione   alla   presenza   di   una   compagnia   di   Formazione   in   Gus,   una Compagnia in uniforme ordinaria del Gruppo cinofili ed il gruppo Paracadutisti con un splendido lancio antistante il monumento. Autorità presenti: IL   Presidente   Nazionale   Gen.   di   Corpo   d’Armata   Vittorio   Fiore   ,   il   Medagliere   Nazionale,   il   Comandante   della   Divisione   Pastrengo   il Generale   di   Divisione   Reduce   della   Russia Attilio   Boldoni,   il   comandate   della   Regione   Gen. Taormina   e   tantissimi   altre   autorità.   Insieme   a tutte   le   Sezione   del   Veneto   furono   presenti   i   rispettivi   familiari,   i   loro   amici   e   tutta   la   città   di   Jesolo   che   voleva   essere   vicina   a   questo grande evento. Proprio   in   quell’anno   Jesolo   venne   insignita   con   il   nome   di   CITTA’   di   JESOLO,   e   fu   prodotta   una   pergamena   per   la   consegna   del monumento,   all'allora   Sindaco   di   Jesolo   Cav.   Giovanni   Paludetto,   che   rappresentava   un   atto   costitutivo   di   donazione;      tutti   i   membri   del comitato ne ricevettero una copia. Delle sculture ne furono fuse 13 copie e consegnate a tutti i membri del comitato: Brig.   Bortoletto   Aldo,   C.re   Davanzo   Gianni,   Vic.   Brig.   Mazzuia   Giovanni,   Rag.   Parisotto   Luciano,   C.re   Rapisarda   Salvatore,   M.llo   M. Saccone Mario, C.re Scapolan Angelo, C.re Verago Umberto, il sindaco della Città di Jesolo. In occasioni diverse venne consegnata la copia anche a: Comando   della   Comapgnia   Carabinieri   di   Portogruaro,   al   Presidente   dell'ANC   di   San   Donà   di   Piave,   al   Comando   Provinciale   dei Carabinieri   di   Venezia   e   al   Comando   Generale   dei   Carabinieri   di   Roma   nelle   mani   del   Comandante   generale   Riccardo   Bisognero   in occasione di una sua visita a Jesolo.                                                                         29 Maggio 1983 Inaugurazione   nella   Piazza   Drago   di   Jesolo   Lido,      durante   il   IV   Raduno   Regionale   Veneto,   di   un   massiccia   opera monumentale bronzea  intolata “ Al Carabiniere” eseguita dello scultore  Augusto Murer di Falcade.                                                                                    24 Novembre 1984 Su   richiesta   dei   30   soci   di   Jesolo   la   presidenza   nazionale   nomina   l   C.re   Rapisarda   Salvatore   quale   Commissario   per la Ricostituzione della Sezione.                                                                                   02 Febbraio 1985 Viene   effettuata   la   prima   votazione   per   il   Presidente   ed   Consiglio   di   Sezione.   Conferita   la   carica   di   Presidente   allo stesso     Commissario     per     la     Costituzione     C.re     Uff.     Rapisarda     Salvatore     che     vedra’     riassegnata     la     carica ininterrottamente fino al 2010.                                                        Ultima Domenica di Maggio 1990-’91-’92-’93-’94 L’ultima   Domenica   del   mese   di   Maggio   1990   viene      organizzato   e   svolto      il   1mo   Raduno   Provinciale ANC   di   Venezia   con   annessa   Corsa Podestica. Per i quattro anni successivi viene ripetuta con successo lo stesso programma per  i Raduni ANC della Provincia di Venezia. 07/10 Maggio 1999 Dal   07   al   10   Maggio   sono   stati      avuto   ospitati   a   Jesolo   55   Sezioni   provenienti   da   tutta   Italia   e   dalle   Regioni   confinanti con   circa   3.000   Carabinieri   in   congedo   accompagnati   dai   loro   familiari.   Per   l’occasione   il   raduno   ha   avuto   l’onore   di ospitare   la   banda   dell’Arma   dei   Carabinieri   di   Roma,      composta   da   112   musicisti,   tutti   maestri   di   musica,   diretti   dal Maestro   Colonnello   Vincenzo   Borgia   e   il   suo   Vice   Direttore   Ten.   Col.   Di   Stasi   Franecesco   che   si   sono   esibiti   in   piazza Aurora alla presenza di 2.000 persone tra cui le  massime autorità civili, militari, religiose.                                15-16-17 Settembre 2000 Nel   Settembre   2000   viene   organizzato   il   IV   Raduno   Interegginale      a   Jesolo      accogliendo   una   moltitudine   di   soci      di tutte   le   rappresentanze   regionali   partecipanti   all’evento   con   grande   plauso   delle   più   alte   autorità   Civili   e   Militari   e   del vasto   pubblico   accorso   per   la   festosa   manifestazione.   Nell’occasione      si   intitolava   la   Sezione   di   Jesolo   al   C.re   M.A.V.M. Pompilio   Verago   con   in   presenza   della   Madrina   della   Sezione   e   nipote   dello   stesso      militare   intitolante,      Sig.ra   Donatella   Verago.   Ad onorare   la   cerimonia   ,   l’esibizione   in   Piazza   Marconi   della   Fanfara   dell’Arma   dei   Carabinieri   di Torino   che   ha   riscosso   un   grande   successo tra il pubblico. 25-26-27 Aprile 2008 Nell’Aprile   2008   viene   organizzato   il   VI      Raduno   Intereggionale   ancora   a   Jesolo   con   altrettanto   successo      in   termini   di   presenze   di   soci delle   6   Regioni   parteceipanti   alla   manifestazione.      Grande   presenza   di   Autorità   civili   militari,   nonche’      del   Comandante   Interregionale dell’Arma di Padova e del   Presidente Nazionale  Gen. Michele Colavito col suo seguito.                                                                                10 Aprile 2010 Allo    scadere    del    mandato,    il    Peesidente    C.re    Uff.    Salvatore    Rapisarda    viene    sotituito    nella    carica    dal    Lgt   Alfredo    Gregoris,    gia’ Comandante   della   locale   Stazione   CC,   assistito   con   incarico   di   Vice   Presidente   dallo   stesso   Presidente   uscente.   Il   Luogotenente   A. Gregoris   inaspettatamente   lascia   la   Sezione   ANC   e   viene   sostituito   dal   C.re   Italo   Pasqual,   a   sua   volta   sostituito   a   seguito   di   dimissioni, dal   Socio   Anziano   C.re   Comm.   Umberto   Verago      con   la   fattiva   collaborazione   del   C.re   Uff.   Rapisarda   Salvatore   che   riassumeva   la Vicepresidenza.                                                                                        03-04-05 Maggio 2012 La   Sezione ANC   di   Jesolo   organizza      il   XXII      Raduno   Nazionale   della   Laguna   -   Venezia.   E’   stato   il   raduno   più   partecipato   della   storia   dei raduni   della A.N.C.      ,   curando   ogni   minimo   particolare. Apposte   ben      1.200   bandiere:   500 Tricolori,   300   rosse/blu,   200      dell'Europa      e      200 della   Regione   Veneto.   Sono   state   collocati   inoltre   km   3   di   striscioni      inneggianti   l'Arma   dei   Carabinieri,   l’   A.N.C   e   la   Città   di   Jesolo   .   La manifestazione   nazionale,   nonostante   funestata   dal   triste   incidente   stradale   ove   han   perso   la   vita   5   soci   ANC,   ha      potuto   dimostrare   l’ efficace e precisa potenzialita’ organizzativa della Sezione ANC di Jesolo.   10 Ottobre 2013 Il   C.re   Uff.   Salvatore   Rapisarda   viene   rieletto      Presidente      dal   Consiglio   Direttivo   della   Sezione ANC   di   Jesolo.   La   Vicepresidenza      viene assegnata al C.re Roberto Mazzon. 15 Giugno 2014 Viene indetto e svolto a Jesolo il VI Raduno Provinciale ANC di Venezia. Aprile 2015 Il C.re Italo PASQUAL viene rieletto  Presidente  dal Consiglio Direttivo della Sezione ANC di Jesolo.