Associazione  Nazionale  Carabinieri - Sez. di Jesolo M.A.V.M. C.re Pompilio Verago
Associazione Nazionale Carabinieri - Sezione di Jesolo  Via Cesare Battisti, 83 -  30016 Jesolo ( Venezia ) - Tel. e fax 0421 350170   - Email    Anc-jesolo@libero.it   
© 2014
Monumento al Carabiniere di Jesolo
Ecco i nomi delle persone del Comitato che si sono impegnate in origine per la realizzazione: Big.re BORTOLETTO Cav. Aldo   - Consigliere C.re DAVANZO GIANNI               - Consigliere V.Brig.re MAZZUIA Giovanni        - Consigliere C.re  RAPISARDA SALVATORE  - Consigliere M.M. SACCONE CAV. MARIO     - Consigliere C.re SCAPOLAN Angelo              - Consigliere C.re VERAGO Comm. Umberto   - Presidente Socio PARISSOTTO Luciano       - Segretario Collaboratori che raccolsero dei fondi senza  versare  la quota di inizio dei lavori : C.re  ENZO Pietro  - Ca’ Savio C.re GATTI Enrico - Jesolo C.re MERIGO FRANCESCO – Jesolo Socio Simp. GUALTIERI  Geraldo – Jesolo A   seguito   delle   decisione   prese,      fu   contattato      lo   scultore   Augusto   Murer      il   quale   dopo   aver accettato    con    entusiasmo    l’incarico,    presento’    alcuni    bozzetti    ,    tra    cui    quello    dell’opera    che vediamo    oggi    .    L’artista        immortalava        il    carabiniere    collocandolo    tra    due    epoche,    quella dell’ottocento   e   quella   moderna   ,   facendo   intuire   una   forte   contrapposizione   ai   temi   attuali      del terrorismo socio politico: Brigate Rosse, Brigate nere e Mafia. L’opera   venne   fusa   in   una   fonderia   di   Treviso   e      il   29   Maggio   del   1983,   dopo   più   di   un   anno,   il Monumento fu inaugurato.
Particolare del monumento Al Carabinierie di Jesolo Firma dell'artista A.Murer sulla scarpa
Un ritratto dello scultore Augusto Murer ( 1922 / 1985 ) Nasce   nel   1922   a   Falcade   (BL)   crocevia   delle   strade   che   scendono   dal   San   Pellegrino,   dalla Marmolada   e   dalle   Pale   di   San   Martino,   frequenta   la   scuola   d'Arte   di   Ortisei   sotto   la   direzione del   Maestro   Li   Rosi.   Ma   la   vera   germinazione   di   quella   che   sarà   la   sua   poetica   Murer   la   coglie dalla   frequentazione   di Arturo   Martini;   fu   un   rapporto   breve,   racchiuso   nel   volgere   dell'autunno 1943,   fino   a   quando   il   maestro   e   l'allievo   dovettero   abbandonare   Venezia   per   seguire   strade indicate   da   opposte   ideologie.   Ma   per   Murer   quella   parentesi   fu   fondamentale   per   lo   sviluppo del   proprio   linguaggio   e   per   l'affinamento   di   una   visione   estetica   fino   ad   allora   basata   su   un atteggiamento   spontaneo.   Più   tardi   dirà   che   Martini   gli   tolse   le   "cateratte   dagli   occhi"   e   gli   fece capire la differenza fra il bello ed il brutto (Franco Basile). La   fine   della   guerra   segna   un   momento   di   rinascita   e   di   fermento   per   tutta   l'arte   italiana   e   Murer vi   partecipa   con   l'entusiasmo   e   la   vitalità   che   sempre   lo   hanno   contraddistinto.   Inizia   la   sua   attività   di   scultore   nel   1945.   Sono   anni difficili   per   tutti   ma   particolarmente   per   Murer;   le   restritezze   economiche   lo   sollecitano   a   far   sculture   con   materia   più   ovvia   per   quei luoghi e per quei tempi: "il legno dei boschi non costava molto", dirà più tardi. Ma   è   soltanto   nel   1953   che   Murer,   trentunenne,   affronta   alla   Galleria   Cairola   di   Milano   (sede   degli   artisti   di   Corrente)   il   primo   vero   ed impegnativo   impatto   con   un   pubblico   di   alto   livello   "Nazionale",   sostenuto   da   Orio   Vergani,   che   firma   la   presentazione   in   catalogo,   e   da Renato   Birolli,   che   vi   aggiunge   una   propria   testimonianza   critica.   La   mostra   milanese   e   le   costanti   presenze   al   Premio   Suzzara permettono    a    Murer    di    entrare    nel    cosiddetto    "giro    nazionale"    e    di    inviare    alcune    sue    opere    a    rassegne    internazionali.    Il consolidamento   economico   del   Paese   e   la   diffusione   della   cultura   e   dell'informazione,   sul   finire   degli   anni   Cinquanta,   costituiscono   la base    per    il    successivo    sviluppo    della    conoscenza    artistica    e    dell'interesse,    da    parte    del    potere    pubblico    e    dei    privati,    per    le manifestazioni   d'arte   e   per   un   collezionismo   diffuso.   E   uno   scultore   come   Murer,   che   "ha   costruito   il   suo   racconto   con   gli   elementi   di una   vita   vissuta   in   profondità"   e   il   cui   "viaggio   dalla   surrealtà   dei   sogni   alla   realtà   delle   opere"   s'è   compiuto   "sempre   per   la   via   sicura dell'esperienza   sofferta"   (Marchiori),   non   poteva   non   essere   immediatamente   riconosciuto   come   artista   popolare   e   divenire   uno   degli scultori   più   amati.   In   quarant'anni   di   lavoro   creativo   ed   in   trent'anni   di   presenza   costante   nel   mondo   artistico   e   culturale   italiano   ed internazionale   gli   appuntamenti   e   i   successi   non   si   contano;   anche   perchè   Murer   ha   sempre   privilegiato   la   dimensione   pubblica   del lavoro artistico. Ne fanno fede i numerosi monumenti che appuntano la sua attività, segnandone altrettante tappe fondamentali. A   partire   dal   1964,   quando   Murer   realizzò   il   celebre   Monumento   alla   Partigiana   per   Venezia,   e   fino   ai   più   recenti   monumenti   di   Mestre, Mirandola   e   Concordia   (1985),   il   suo   impegno   civile   si   è   tradotto   in   numerose   opere   pubbliche   che   in   parte   importante,   hanno contribuito   a   qualificare   la   sua   creatività,   da   sempre   tesa   ad   interpretare   e   comunicare   temi   e   forme   che   hanno   stretta   attinenza contenutistica   col   sociale.   Come   dire   di   una   pratica   figurale   dell'arte   che   ambisce   a   raggiungere   fasce   di   pubblico   non   strettamente riconoscibili nei consueti "adetti ai lavori". Gli   anni   Ottanta   segnano   per   Murer   la   definitiva   consacrazione   (anche   se   per   un   artista,   come   diceva   spesso,   il   "definitivo"   successo finale,   il   completamento   dell'opera,   l'acme   della   creatività,   sono   parole   vuote,   sono   termini   inesistenti,   "perchè   ogni   giorno   devi superare esami e, in primo luogo, con te stesso"). Così   come   le   significative   presenze   alla   mostra   del   Bimillenario   Virgiliano   di   Mantova   (1981),   e   alla   XLI   Biennale   d'Arte   di   Venezia "Sculture   all'aperto   di Augusto   Murer   1984   (da   ricordare   davanti   ai   giardini   "LA   PARTIGIANA"   di   Venezia   con   basamento   realizzato   da Scarpa),   connotano   un   percorso   importante   e   la   critica   è   andata   via   via   spostando   il   suo   punto   di   osservazione   dal   "gradimento"   a tentativi   di   conoscenza   più   approfonditi,   compiendo   analisi   sulla   capacità   creativa   di   Murer   che   va   ben   oltre   gli   "ismi"   abusati   (realismo e naturalismo) degli anni Cinquanta e Sessanta. Le   più   recenti   letture   dell'opera   mureriana,   svolte   da   Dario   Micacchi,   Enrico   Crispolti,   Carlo   Bo,   Franco   Farina   e   Alberto   Bevilacqua, conferiscono   una   chiave   interpretativa   meno   "datata"   anche   ai   noti   saggi   critici   di   Andrea   Zanzotto,   Giuseppe   Mazzarici,   Raffaele   De Grada   e   Franco   Solmi.   Più   giustamente   la   critica   recente   è   indirizzata   a   scoprire   matrici   di   autonomia   che,   di   analogia   o   di   richiamo   al passato,   hanno   soltanto   il   retaggio   di   una   straordinaria   avventura   dell'uomo:   quello   della   storia   dell'arte.   In   quarant'anni   di   lavoro creativo   e   di   ricerca   continua,   i   riconoscimenti,   per   le   mostre,   le   partecipazioni   e   rassegne   d'arte   di   alto   livello   sono   numerosissimi,   in Italia   e   all'   estero.   Moltissime   le   opere   laiche   e   religiose   conservate   in   musei   di   tutta   Europa,   in   collezioni   e   luoghi   pubblici.   Significativi   i monumenti di Murer nel Veneto, in Emilia, in Campania e in Abruzzo. Muore a Padova l'11 giugno 1985.
Scultore Augusto Murer
Monumento “al Carabiniere” di Jesolo Il   24   maggio   1981   durante   un   incontro   tra   le   associazioni,   veniva   inaugurato,   in   Zona Piazza    Drago,    il    Viale    del    carabiniere.    Presenti    oltre    al    sindaco    Renato    Bressan, autorità civili, militari e circa 2000 persone. Durante   lo   stesso   giorno,   nel   Viale   del   Carabiniere   veniva   posta   per   riconoscenza   ,   un mezzo   busto   in   gesso   di   un   appuntato   dei   carabinieri   ma   quest’opera   creata   dallo scultore   amatoriale   Carlo   Teso,   la   stessa   sera   è   stata   rubata   da   ignoti   e   così   dopo questo   fatto   nacque   l’idea   di   creare   un’imponente   opera   monumentale   intitolata   al Carabiniere. Dopo   poco   tempo,   veniva   organizzata   una   riunione   di   tutti   i   soci   della   Sezione   per raccogliere      i   vari   pareri   e,   una   volta   ricevuto   i   consensi   all’unanimità,   tutti   hanno   dato massima   disponibilità   ma   alla   richiesta   di   contributi   economici   da   parte   di   uno   dei promotori   socio      C.re   Verago      Umberto   ,   figlio   del   C.re   pompilio   Verago   M.   d’A.   V.M.   , non   si   otteneva   la   copertura   economica.   Rimasero   solo   8   persone,   le   più   ostinate, costituirono   un   nuovo      comitato   e   raccolsero   pro   capite   lire   750.000.   Nel   marzo   del 1982 incominciarono finalmentea i lavori  e la ricerca di nuovi  ulteriori fondi.